Ristorante OTTO GELENG: le cento cene sublimi del Timeo a Taormina

Folgorante, travolgente, dirompete, manifesta nell’Arte indomita del sublime: la proposta compositiva di Roberto Toro, Executive Chef del Belmond Grand Hotel Timeo di Taormina, ha l’iridescente connotazione emozionale come leitmotiv.

Roberto Toro-17.JPG

L’ingrediente come strumento di piacere, una passione viscerale per l’identità della materia prima, che diventa attraverso la padronanza tecnica dell’Alta Cucina, emblema della biodiversità stagionale del territorio, col cuore aperto alle contaminazioni culturali del gusto internazionale.

Roberto Toro-58.JPG

L’Executive Chef Roberto Toro, ambasciatore di Sicilia e d’Italia in numerosissimi eventi internazionali ed anima dei ristoranti del Belmond Grand Hotel Timeo di Taormina, esprime con adamantino talento la gioia della creatività, dipingendo con eleganza e spontaneità contrasti ed assonanze studiati per valorizzare l’eclettismo delle sue proposte di gusto, ispirate all’eden che domina Naxos, al magnetismo dell’Etna e del Mediterraneo ed alla formazione francese e nordeuropea.

Roberto Toro-26.JPG

L’osmosi di scampi ed agrumi, si verticalizza soavemente sulla concassé di pomodoro verde e sulle sfumature thai di cocco affumicato e burrata. Assaggi impreziositi dalla tridimensionalità del panko.

Roberto Toro-05.JPG

Il Tonno Rosso viene reinventato nella sua matrice etnica, nel dialogo tra la cipollata e la mousse anisata di finocchio, olive liofilizzate ed arancia. Vibrante di tradizione ed inedito nelle seducenti strutture.

Roberto Toro-36.JPG

Il Gambero Rosso nelle trame della frutta estiva, plana sulla cremosità della piccantezza polifenolica della neve d’olio evo.

Roberto Toro-33.JPG

Il baccalà sfogliato esprime al palato la polifonia della ghiotta messinese, tra vibranti accenti aromatici e la cupa eleganza delle olive nere. Essenze persistenti nella cremosità che sussurra la magistrale esecuzione.

Roberto Toro-37.JPG

Le briciole di mare, quasi un ologramma di panure siciliana che si svela all’assaggio nella conturbante estasi di ristretto di scoglio, a controcanto delle voluttuose e mandorlate ostriche Belon, che donano agli spaghetti mantecati ai loro umori, la connotazione empirea della lussuria.

Roberto Toro-06.JPG

 

 

I tortelli al pesto svelano il sincretismo estivo, in una punteggiatura erudita di mediterranee identità: dalla verace insalata di pomodoro che diviene salsa eterea, alla passionalità minerale dei crostacei, a donare un assaggio lisergico.

OTTO Di Mare è un omaggio ad Otto Geleng, pittore tedesco che per primo riconobbe in Taormina tutte le potenzialità di una meta elitaria. Ospite di casa La Foresta, diede l’input ad aprire nel 1873 il Timeo, primo hotel in città.

Roberto Toro-13.JPG

Una portata che si sviluppa attorno al crudo ed al cotto di mare, una sinfonia di pescato di stagione, molluschi, crostacei e mitili, stillata al momento del servizio con l’umami assoluto di un elisir di rara umoralità.

Roberto Toro-42.JPG

L’Astice descrive un viaggio nei sentori catalani, la nuda dei Nebrodi e lo specchio di melanzana descrivono registri sensoriali complessi, scanditi al palato dalla croccantezza dei rocher di astice che celano la magistrale tecnica esecutiva.

Come il maialino dei Nebrodi, nell’innovativo affinamento della spalla al latte di mandorla, che seduce con le sfavillanti corruzioni di salsa al rafano, pompelmo rosa e pak choi glassato.

Roberto Toro-63.JPG

I dessert travolgono attraverso l’esegesi stagionale: meline Cola dell’Etna sublimate dalle essenze esperidate e dalla mousse nivea di ricotta, e ancora rabarbaro, pralina di yogurt e lemon frizzi, Tiramisù aureo, frutti rossi e glacé botanici lasciano poi la scena alle idilliache edulcorazioni del caffè.

Il Ristorante Otto Geleng porterà in scena tutte le sere a cena, dal sette giugno al  quindici settembre 2018 una proposta di fine dining d’elezione, che ai sofisticati menù studiati per ammaliare la clientela internazionale e gli ospiti esterni al Belmond Grand Hotel Timeo, abbina una selezione enciclopedica di etichette di vini, che spaziano dalle Contrade etnee alle magnum nazionali e francesi d’elezione, e numerose unicità di Artisti Viticoltori suggerite dalla Sommelier Simona Di Goro.

 

 

La vista onirica dalla terrazza che ospita gli otto tavoli del Ristorante Otto Geleng, la scenografia elegante che evoca le ville siciliane, le fragranze della limonata e dei gelsomini del parco, i dettagli ricercati della mise en place ammaliano e rendono indimenticabile l’esperienza.

Roberto Toro-34.JPG

Il tovagliato realizzato in originale sfilato siciliano ed interamente ricamato a mano, selezioni ricercate dell’argenteria storica del Timeo e la posateria firmata Christofle Parigi, abbinati alle porcellane Villeroy & Boch, lumi ad olio di manifattura Iudici, artigiani siciliani tra gli ultimi eredi della tradizione decorativa tipica di Caltagirone, completano l’idillio di una proposta che vale il viaggio a Taormina.

 

 

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...