ANDREA TORTORA, Il Miglior Pasticcere 2019, ci svela il decalogo del PANETTONE d’eccellenza

Un simposio divulgativo e di analisi sensoriale è andato in scena all‘Accademia Marchesi a Milano, per ristabilire i parametri che determinano l’Alta Qualità dei Grandi Lievitati D’Autore.

L’innovazione e la dirompente espressività dell’Alta Pasticceria che reinventano l’eccellenza portano il logo AT PÂTISSIER, il progetto che nasce dalla collaborazione di Ilaria Zacchetti e del Maestro Andrea Tortora.
Pastry Chef dal curriculum internazionale, ricercatore e sommo interprete dei lievitati, Andrea Tortora orchestra la pasticceria del ristorante tre stelle Michelin St. Hubertus del Rosa Alpina Hotel & Spa di San Cassiano (Val Badia).

Già Maestro Ampi, Andrea Tortora è stato insignito con continuità dalle guide de Il Gambero Rosso, L’Espresso ed Identità Golose del titolo di Chef Pasticcere dell’anno.

l Grandi Lievitati di Andrea Tortora esprimono l’essenza del sublime, dichiarando all’assaggio i canoni espressivi del gusto assoluto dell’Artigianalità.
Lievitato d’Autore che sono sintesi di una passione genetica per la pasticceria e dell’inevasa ricerca della qualità degli ingredienti.

6.jpg

Durante l’incontro formativo, sono stati individuati in una sessione di degustazione, che ha visto partecipi alcuni tra i migliori pasticceri italiani e la stampa di settore all’Accademia Marchesi di Milano, i parametri che sanciscono l’eccellenza e permettono di orientarsi nelle scelte consapevoli d’acquisto in prospettiva del Natale, ma non solo:

il Panettone, come espressione di Alta Pasticceria, data la salubrità degli ingredienti, diventa un alimento energetico e versatile negli abbinamenti 365 giorni l’anno.

Nasce così il decalogo che servirà a tutti coloro che desiderano giudicare con competenza un lievitato iconico, imparando a comprenderne le caratteristiche organolettiche e scoprendone le tante complessità in maniera chiara ed univoca.

 

1.jpg

VALUTAZIONE VISIVA

Attrattività/Seduzione

Aspetto, finitura e pezzatura sono variabili determinanti: l’analisi visiva serve per l’attrattiva, è l’elemento seduttivo per il consumatore e crea aspettativa. L’alveolatura deve essere uniforme, ben sviluppata. Se non è eccessivamente alveolato il panettone può durare di più: più aria rimane più si asciuga e si secca. Per questo i panettoni industriali hanno alveolatura piccola. La crosta deve essere ben salda con la pasta, di circa 2,5 mm con una colorazione bruno-dorata e senza bruciature. Il numero, la dimensione e la densità dei canditi è sintomo di qualità.

VALUTAZIONE OLFATTIVA

Fragranza/Freschezza

Va valutata come prima cosa la freschezza percepita al naso delle materie prime utilizzate. Chiedersi se si sta sentendo un profumo naturale e verosimile è un buon indice di qualità.

 

Genuinità/Franchezza

Ricerca del meglio di ogni singolo ingrediente: la qualità delle materie prime va conosciuta a monte per essere apprezzata. Leggere le etichette è indispensabile per scoprire la genuinità degli ingredienti. La data di scadenza è un altro indicatore determinante: più la scadenza è breve, più siamo sicuri che il panettone sia preparato senza conservanti.

 

Ricchezza/Complessità

Avere una significativa numerosità delle componenti sensoriali (a partire da quelle apportate dal lievito madre, fino a quelle generate dalla cottura) dà una rotondità notevole. Più i tempi di lavorazione sono lunghi, più si sviluppano gli aromi terziari. Il rispetto dei tempi di riposo dona equilibrio ed idratazione.

Eleganza/Finezza

La cura nelle dosi delle componenti aromatiche (canditi, uvetta, vaniglia) determina l’eleganza di gusto finale.

 

VALUTAZIONE TATTILE

Leggerezza/Vaporosità

La lievitazione e la consistenza del cuore del prodotto danno la conferma di una buona lavorazione.

 

Tessitura/Consistenza

L’importanza delle farine, il dosaggio del burro, gli zuccheri. La degustazione non deve prevedere un pezzetto ma la fetta intera, che ha parti diverse con consistenze diverse. Al tatto il panettone deve filare: strappando dal centro un pezzo di fetta questa deve ‘sfilarsi’.

La parte tattile coinvolge anche il palato: se la struttura soffice si scioglie e il boccone non diventa gommoso si possono comprendere alcuni aspetti della produzione: per esempio le farine di qualità e la loro capacità di incorporare grassi. Emerge a questo punto la struttura complessiva del prodotto.

VALUTAZIONE GUSTATIVA

Equilibrio/Armonia

Il rapporto tra i gusti è fondamentale: dolce, salato, acido, amaro devono essere in perfetto equilibrio.

VALUTAZIONE ESPERIENZIALE

 Coerenza generale

Valutiamo infine l’esperienza nel suo complesso. La perfetta corrispondenza tra ciò che vedo, sento al naso, tocco e gusto è un indicatore infallibile di un prodotto di qualità, che mantiene le promesse.

Memorabilità

Il perfetto equilibrio tra i sapori e la coerenza complessiva aumentano la memorabilità dell’assaggio. Questa sensazione sarà il parametro per una futura scelta consapevole.

Per info e per come acquistare:

AT PÂTISSIER

 

3.jpg

 

Alla ricerca degli unicorni: MILK TRAIN a Covent Garden #wheninLondon

Cosa non si fa per mantenere il titolo di influenze, cosa non si fa per dare al palato metrica e termini di paragone… si arrivano a scomodare unicorni, nuvole di zucchero filato, e si trascina chi ti accompagna ai confini del sogno e della pazienza ;P

MILK TRAIN cafè-02.JPG

 

Basta seguire le coordinate Instagram per giungere alla meta di pellegrinaggio social-fashion-victim più ambita di Covent Gaden, riconoscendo l’ingresso di  Milk Train Cafè dalla fila di chi non aspetta altro che impugnare lo scettro del desiderio.

MILK TRAIN cafè-09

Ordinatamente si conquista la postazione migliore per i selfie, orgogliose e fiere di brandire un soffice ed arioso “gelato” che plana su una nuvola avvolgente di zucchero filato.

MILK TRAIN cafè-04.JPG

Un’esperienza di gusto 3D che viene esponenzialmente amplificata sui social e genera un turismo di millennials interplanetario.

MILK TRAIN cafè-01.JPG

I fondatori di Milk Train Cafè, Mike e Kylie, affermano che la nuvola di zucchero filato era in origine una soluzione per moderare i sapori tannici e minerali del gelato al tè Matcha e Hojicha. Non avetrbbero mai potuto immaginare che sarebbe presto diventato il cono più Instagrammato dell’universo.

MILK TRAIN cafè-05.JPG

Vaniglia, caramello al burro salato, Oreo, mango su cialde wafer, si arricchiscono di confettini, popcorn e praline.

MILK TRAIN cafè-10.JPG

Nonostante il meteo londinese, il gelato Milk Train non teme inflazioni, resta un dolcissimo sogno e un’occasione per non prendersi troppo sul serio 😀

 

44 BEDFORD ST. LONDON WC2E 9HA

 

SUMMER OPENING TIMES:

NOW OPEN ON MONDAYS!

MON-THU: 1PM – 9PM

FRI-SAT: 1PM – 10PM

SUN: 1PM – 8PM

Il CANNOLO in scena al San Lorenzo Mercato, a Palermo

Dopo le diecimila presenze della scorsa edizione, ritorna al San Lorenzo Mercato il “Cannolo Festival”.

Da domani, due giorni di degustazioni da non perdere!

L’evento celebra il dolce più iconico della pasticceria siciliana con una degustazione delle varianti più diffuse ed apprezzate.

I canoni da considerare per scegliere il migliore sono la cialda più o meno friabile, le spezie ed i sentori di cacao o di caffè, la crema di ricotta più o meno dolce e lavorata, arricchita o meno da cioccolato, canditi o frutta secca.

Alchimie di contrasti e texture, ricette tramandate o innovative, sono tantissime le variabili che distinguono un cannolo dall’altro a seconda dell’armonia degli ingredienti e della tecnica di realizzazione.

Per questo tante pasticcerie siciliane sono diventate ormai luogo di pellegrinaggio e di turismo gastronomico, anche a chilometri e chilometri di distanza, da parte di golosi, appassionati, gourmand e turisti da ogni parte del mondo.  Nella prima edizione, nel 2017, sono stati preparati oltre 4mila cannoli con più di 7 quintali di ricotta fresca, attraverso i percorsi di degustazione che hanno consentito l’assaggio e la votazione da parte del pubblico.

Proprio il pubblico, con quasi mille voti espressi, è stato protagonista della scelta, premiando i cannoli di Santa Cristina Gela.

Protagonisti di questa edizione 2018 del Cannolo Festival sono i maestri pasticceri di diversi paesi che si distinguono per l’unicità del Cannolo.

Piana degli Albanesi, il borgo dell’entroterra palermitano noto ormai come “il paese dei cannoli”, custode di una tradizione secolare e di ricette che ancora oggi nascondono segreti di produzione gelosamente custoditi.

Santa Cristina Gela, che condivide con i cugini di Piana la materia prima dello stesso territorio ma con ricette differenti.

San Giuseppe Jato, con una lavorazione originale e immediatamente riconoscibile e scorze leggere.

Fulgatore, a cui spetta il delicato compito di rappresentare la provincia di Trapani, famosa per uno stile unico e inconfondibile già nella forma della scorza (più allungata e appuntita), ma soprattutto nella lavorazione della ricotta (più grezza e meno setacciata), per veri intenditori.

I maestri pasticceri coinvolti

Nicola Petta (Extra Bar – Piana degli Albanesi, Palermo);

i Fratelli Biscari, vincitori della scorsa edizione (Bar Pasticceria del Corso – Santa Cristina Gela, Palermo);

Turi Cerniglia (Pasticceria Cerniglia – San Giuseppe Jato, Palermo);

Rocco Vultaggio (Bar Vultaggio – Fulgatore, Trapani).

In occasione del festival saranno allestite quattro postazioni, una per ognuno dei maestri pasticceri. I partecipanti avranno la possibilità di assaggiare i quattro cannoli in gara con un ticket degustazione, per poi votare il preferito.

Il voto popolare incontrerà poi quello di una giuria tecnica, formata da giornalisti, pasticceri, food blogger ed esperti, che si esprimerà sugli stessi cannoli in gara contribuendo così a decretare il vincitore della seconda edizione dell’evento, in collaborazione con l’Associazione Provinciale Cuochi e Pasticceri di Palermo.

Presso l’area-lab, i quattro maestri si alterneranno per mostrare la preparazione del dolce, ognuno secondo le proprie caratteristiche.

Verrà allestita anche una postazione che servirà il cannolo senza glutine, per soddisfare ogni esigenza nutrizionale.

Prima della premiazione finale, domenica 27 alle 18, lo storico Gaetano Basile racconta “la storia sexy” del cannolo, tra aneddoti piccanti e curiosità inaspettate perse nei secoli.

IL PROGRAMMA

– Sabato e domenica dalle 10.30 alle 22.30: banchetti e degustazioni

– Sabato e domenica alle 11.30 e alle 16: nell’area-lab i quattro maestri a turno mostrano la propria preparazione

– Domenica alle 12: Facciamo il cannolo! (laboratorio ludico dedicato ai bambini, che avranno la possibilità di imparare la preparazione del cannolo, dalla lavorazione della ricotta alla farcitura delle scorze. A cura di PalermoBimbi)

– Domenica alle 17: degustazione tecnica, presentazione dei maestri in gara, scelta della giuria tecnica

– Domenica alle 18: “Una storia sexy”, Gaetano Basile ripercorre tra testimonianze storiche e curiosità piccanti la nascita del cannolo.

– Domenica alle 19: premiazione finale (con la somma del voto tecnico e quello popolare)

Pasticceria IRRERA 1910, a Messina e nel mondo

Arrivare presto, al mattino, alla Pasticceria Irrera 1910, regala la luce calda che filtra dalle vetrate ed illumina i sorrisi di un risveglio di voluttuoso piacere.

Le fragranze delle cru di caffè appena macinato, che incontra anche le esigenze contemporanee dell’infusione da passeggio, le infinite selezioni di croissant dolci e salati, baguette, tramezzini, i pidoni messinesi, i toast, gli arancini e tutto ciò che possa soddisfare i desideri del buongiorno, ingolosisce per l’irresistibile appeal.

Rossetto e Cioccolato-52.JPG

Basta prendere posto nel dehors esterno che si affaccia sui giardini di piazza Cairoli, nelle accoglienti sale interne o al banco, per godere della ritualità dell’offrire eccellenza manifestando la gioia nel donare l’arte della pasticceria, che in primavera rifiorisce con le granite messinesi.

Dallo sherbeth arabo, la granita mutua i sospiri cremosi della frutta di stagione, della mandorla, del pistacchio, del caffè, del cioccolato e di ogni gusto che la fantasia possa ispirare.

Rossetto e Cioccolato-51.JPG

Osservare i gesti che manifestano la brillante qualità delle granite, nell’atto di servirle in purezza o nell’irresistibile sinfonia della panna montata, che qui esprime la sublime qualità e viene costantemente sostituita durante la giornata, per offrire rigorosamente i migliori assaggi.

Rossetto e Cioccolato-76

La brioche o i panini di cena sono il naturale e soffice compendio per le granite, un abbinamento che sostituisce anche i pranzi estivi e dona a tutte le ore pause rigeneranti, energetiche e di estrema digeribilità, grazie alle lentissime lievitazioni e alla purezza della frutta utilizzata.

Rossetto e Cioccolato-74.JPG

La Pasticceria Irrera 1910, da sempre seduce anche con una enciclopedica proposta di “pasticceria da viaggio”,  le delizie in produzione sono distribuite non solo attraverso lo shop on line, ma anche nei punti vendita diffusi sul territorio nazionale.

Dalla lavorazione artigianale della mandorla siciliana si sviluppano infinite proposte di alta pasticceria, dalle preparazioni esclusive al cedro, ai torroni e ai biscotti aromatizzati.

L’iconica Pignolata messinese della Pasticceria Irrera 1910 è una preparazione classica che sorprende ogni volta per l’alchimia tra i riccioli di pasta choux e la glassa al limone e al cioccolato, un dolce irrinunciabile, perfetto in ogni stagione e per ogni occasione.

Rossetto e Cioccolato-42.JPG

La Cassata nasce dall’attenta selezione della ricotta dell’Etna, e vanta una speciale lavorazione che bilancia varie tipologie di zucchero per amplificare al palato la delicatezza della sottile copertura in pasta di mandorle, che arriva a poter essere eterea come un tulle solo grazie alla qualità della materia prima e alla sua ricchezza di olii.

Rossetto e Cioccolato-26.JPG

Un doppio strato di crema di ricotta s’interfaccia con un pan di Spagna che rende armonico l’assaggio assorbendo la naturale umidità della ricotta.

Un assaggio imperdibile, che ristabilirà i canoni dell’emblema della pasticceria siciliana.

L’enoteca della Pasticceria Irrera 1910 è il punto di riferimento in città per la carismatica selezione di vini siciliani e distillati, anche per un aperitivo o da scegliere guidati dalla professionalità del Personale.

Perpetuare la tradizione, attraverso la costante ricerca di qualità delle materie prime, la tecnica valorizzante delle lavorazioni e soprattutto attraverso la ricerca scientifica, che vede nella collaborazione con l’Università la messa a punto di tecnologie per preservare la naturalezza del gusto, gli aspetti nutrizionali e la conservabilità senza l’utilizzo di additivi alimentari.

A tutte le ore, a Messina, l’unica priorità è una sosta alla Pasticceria Irrera 1910.

Irrera 1910

Piazza Cairoli, 12

Messina

tel: 090712148

info@irrera.it

Grazie a Daria e Filippo Denaro.

La cultura del Gusto a Messina: Rossetto e Cioccolato

La sensorialità della cultura, la divulgazione di un genere letterario che seduce attraverso un leitmotiv che ha come note tematiche identità, personalità, carisma e passione: la letteratura del gusto a Messina ha avuto interpreti di luminosa sensibilità, in occasione della conferenza stampa di presentazione del primo libro di Antonia Klugmann, edito da Giunti.

Rossetto e Cioccolato-08.JPG

L’ascesa professionale ed umana, intellettuale ed artistica, della chef ed autrice Antonia Klugmann è stata tratteggiata con stile, puntualità ed elegante introspezione dalla giornalista e food blogger Valeria Zingale , affiancata da Daniela Bonanzinga.

Dal confronto coi giornalisti di settore presenti, tra i quali si sono distinti Federica Terrana, Natalia La Rosa, Antonio Iacona, Carmelinda Comandatore ed Alessandra Bonaccorsi, è emerso un messaggio di successo che parte dalle radici, dal background mitteleuropeo dell’Autrice, dal suo personale rapporto col territorio di confine dove con devozione, dipinge composizioni di gusto che nascono dalla freschezza e dall’espressività stagionale del suo orto.

Rossetto e Cioccolato-13.JPG

Dopo gli studi classici e giuridici, dopo la formazione culinaria e l’apertura del suo ultimo ristorante, L’Argine a Vencò, a Dolegna del Collio in provincia di Gorizia, Antonia Klugmann ha riscosso immediato interesse della critica ed i massimi riconoscimenti, amplificati anche dal suo ruolo di giudice a MasterChef Italia.

Una particolare attitudine alla valorizzazione della cucina naturale ha accentato anche il menù elaborato dallo chef Salvatore Paladino del Ristorante Toro Nero a Messina, dove la caleidoscopica stagionalità degli ingredienti siciliani ha evocato le cromìe e le scelte etiche e sostenibili delle ricette del libro di Antonia Klugmann, presente alla cena conviviale che ha seguito la conferenza stampa moderata dalla giornalista e food blogger Valeria Zingale .

Rossetto e Cioccolato-35.JPG

Un menù impreziosito dalla coralità dei microcosmi siciliani: l’Executive Chef del Ristorante Toro Nero ha valorizzato la biodiversità del manzo di razza Cinisara, delle uova di lumaca madonita, del Maiorchino dei Nebrodi, della ricotta di capra messinese, arrivando alla mozzarella iblea, agli ortaggi di Giarratana e di Ispica, al carciofo viola etneo, e senza prescindere dai capperi di Pantelleria, dai pistacchi di Bronte e dalle olive del Belice.

Rossetto e Cioccolato-45.JPG

Tecnica, equilibri di gusto scanditi da registri sensoriali intriganti e l’abbinamento ai vini Cottanera e Milazzo hanno coinvolto gli ospiti in un percorso enogastronomico che pone il Ristorante Toro Nero ai vertici della scena messinese.

Il Cannolo e la trionfale Cassata magnum della Pasticceria Irrera hanno suggellato la chiusura dello straordinario evento.

Rossetto e Cioccolato-26.JPG

La Famiglia Denaro della Pasticceria Irrera, perpetua a Messina dal 1910 l’istituzionalità dei canoni dell’eccellenza, una storia che ogni giorno -dalla prima colazione al dopocena- intercetta ogni esigenza contemporanea, ve ne parlerò presto su queste pagine…

 

Andrea Tortora: oltre l’eccellenza del PANDORO

L’eleganza e la sublimazione dell’Alta Pasticceria che dettano le tendenze anche del Natale 2017 portano il logo AT Patissier, il progetto che nasce dalla collaborazione di Ilaria Zacchetti ed Andrea TortoraPastry Chef dal curriculum internazionale che dal 2009 guida la pasticceria del ristorante tre stelle Michelin St. Hubertus del Rosa Alpina Hotel & Spa di San Cassiano (Val Badia). Già Maestro Ampi, Andrea Tortora è stato insignito dalle guide de Il Gambero Rosso ed Identità Golose del titolo di Chef Pasticcere dell’anno 2017.

Ricerca ed estrema qualità e selezione delle materie prime, esaltate dalla tecnica e dal talento luminosissimo, hanno regalato in questi anni lievitati di ineguagliabile valore, che sintetizzano e superano i canoni di perfezione.

AT Patissier cresce esponenzialmente, con il progetto di rifondare l’Arte della Pasticceria, sotto l’espressività del gusto, la valorizzazione dei prodotti tradizionali e la riqualificazione dell’artigianalità autentica.

Ogni prodotto viene realizzato a mano dallo chef Andrea Tortora,
con estrema cura di ogni fase produttiva e supervisione su ogni dettaglio della commercializzazione, per regalare anche la fragranza gioiosa e festiva di un lievitato appena sfornato.

Pandoro Andrea Tortora-03

Farina di grano tenero, lievito naturale, uova fresche intere, zucchero, zucchero a velo, burro, burro di cacao, latte fresco intero, vaniglia di Tahiti, miele di acacia, sale.
L’essenzialità degli ingredienti e la qualità espressa si svela al palato già al primo assaggio di un PANDORO che è un miracolo di pasticceria e che è emblema della più alta forma di Arte Bianca.
Autentico Burro ed iconica Vaniglia dettano il ritmo della sinfonia celestiale: il PANDORO di Andrea Tortora seduce con la sua trama eterea e il suo perlage aureo, assaggi che non saturano mai il palato ed ammaliano per perfezione aromatica e polifonia di sapori festivi. Semplicità e purezza, che riassumono l’Arte e la Maestria Tecnica con cui le varie fasi della lievitazione si armonizzano e riescono a superare la difficoltà della realizzazione del più complesso dolce del Natale.

 

Pandoro Andrea Tortora-04

I lievitati AT Patissier arrivano al dettaglio custoditi da uno scrigno prezioso firmato dall’illustratore Gio Pastori: una scatola in metallo di design squisito e raffinato, che preserva i panettoni e i pandori fino alla degustazione.

 

Il PANDORO di Andrea Tortora è fatto della stessa sostanza dei sogni ed è l’unico che vale la pena assaporare per vivere a pieno l’armonia e la felicità delle Feste.

Pandoro Andrea Tortora-02.JPG

Grazie di cuore Ilaria&Andrea.

Il panettone dei sogni: Niko Romito

Una nuvola eterea, un lievitato che ha lo stesso peso dei sogni: soffice oltre il vero, fragrante ed equilibrato al punto da definire il concetto di perfezione.

Panettone Niko Romito-02.JPG

Il Panettone Niko Romito nasce nei laboratori di panificazione e pasticceria del Ristorante Reale, la sua produzione è limitata esclusivamente al periodo natalizio e in assaggio ho la creazione nº 225 di 999.

Panettone Niko Romito-03.JPG

Un lievitato di pasticceria che al taglio svela una struttura estremamente leggera, alveolata e fondente al palato, espressiva di aromi naturali ed idilliaca nella cottura e nell’umidità residua. Merito delle lunghissime fasi di lievitazione successive e del lievito madre che giova degli zuccheri e dei fermenti del mosto d’uva.

Panettone Niko Romito-07.JPG

Perle di cioccolato incastonate come brillanti, costellano uniformemente la sofficissima trama lievitata, scorzette d’arancia a regalare il bio festivo del Natale e a vivacizzare il lussurioso assaggio.

Panettone Niko Romito-06.JPG

Il Panettone perfetto ha un nome ed un cognome: Niko Romito.

 

Ho acquistato il panettone qui

Il Panettone siciliano: SCIAMPAGNA!

La Sicilia e il Panettone: stessa esuberanza, stessa cangiante luminosità;

sciampagna-32.JPG

barocchi e ortodossi, affascinano con innumerevoli chiavi di lettura e pochi ingredienti distintivi che si riassumono nel seducente perpetuarsi di assaggi indelebili e di contrasti dirompenti che magicamente si fondono in armonia.

Il Panettone prodotto in Sicilia ha troppo spesso solo una didascalica indicazione di artigianalità, che si smarrisce nei numeri delle produzioni di massa e nell’infinita lista degli ingredienti, che identificano i prodotti della grande distribuzione.

sciampagna-33.JPG

L’eccellenza del Panettone siciliano si raggiunge e si supera a Marineo, un paesino fiabesco vicinissimo a Palermo e al parco naturale del bosco della Ficuzza.
La pasticceria Sciampagna da sempre si distingue per i riconoscimenti internazionali tributati a tutta la produzione del Maestro Pasticcere siciliano che esalta la tradizione valorizzando le essenze e gli ingredienti che fanno della Sicilia il diamante della cultura del gusto mediterraneo.
Accanto alle iconiche Cassate e Cannoli, Carmelo Sciampagna interpreta le tendenze della pasticceria contemporanea e si esprime con luminosa sapienza anche nell’arte dei Lievitati.

Il Panettone “Milanese” Sciampagna seduce già dal packaging ispirato alle maioliche siciliane, evocate da uno studio grafico che condensa in un design brioso e delicato la gioia del Natale e ne fa un dono sofisticato ed ambito.

sciampagna-36

All’assaggio si svela l’artigianalità del lievitato, solo pochi ingredienti per creare un’armonia festiva e un equilibrio di fragrante naturalezza al palato: farina 00, burro, zucchero, tuorli, lievito naturale, miele e canditi. Ingredienti e lavorazione che sanno regalare un assaggio soffice, leggiadro e digeribile, impreziosito da una glassa mai invadente e mai stucchevole, che accenta il panettone di croccante aromaticità.

sciampagna-37.JPG

Il formato da 1 kg esprime la quintessenza dei sapori e sviluppa una complessità aromatica e di gusto eccellente.
Carmelo Sciampagna propone anche il formato da 500 g e da dicembre al Panettone Milanese e Siciliano si affiancano numerose varianti di lievitati per soddisfare ogni desiderio di golosità, da quelli ispirati alle nuances ispahan al lampone e rosa di Pierre Hermé, a dove l’eclettismo di Maestro potrà arrivare.

Panettone acquistato presso

SCIAMPAGNA

Bar-Pasticceria

via Agrigento, 17
90035 Marineo, Palermo

tel. 091 8727508

Sinestesie d’estate al RISTORANTE BRANCIFORTE, Palermo

La promozione culturale di Palermo passa attraverso luoghi che custodiscono e trasmettono il carisma delle vestigia storiche, rimodulate dagli intarsi di fruibilità contemporanea.
Palazzo Branciforte, sede espositiva della Fondazione Sicilia, è naturalmente proiettato alla contaminazione tra arte e gusto. Grazie all’attento restauro opera di Gae Aulenti, dispone di ambienti polifunzionali e senza soluzione di continuità tra ospitalità e istituzionalità.

Guide Repubblica-11.JPG

Chef Gaetano Billeci si avvale della preziosa collaborazione del Direttore Teresa Dawidowska e di uno Staff giovane, brioso e professionale per portare in scena ogni giorno opere uniche di gusto.

Guide Repubblica-36.JPG

Il menù estivo è un caleidoscopico inno alla gioia: i sapori rassicuranti codificati nella memoria della cucina dei Monsù palermitani, vengono diaframmati con inediti accenti di armoniosa freschezza e verve contemporanea, frutto della cucina colta e della padronanza tecnica dello Chef e del suo bagaglio di viaggi e significative esperienze formative.

Ristorante Branciforte-21.JPG

I pani, l’olio evo in degustazione e i fritti gioiello di benvenuto raccontano l’ospitalità della capitale mondiale dello street food, il gusto di Palermo, sempre polifonico di rimandi mediorientali e luminoso di passionalità mediterranea e zenit agrodolci.

Ristorante Branciforte-06.JPG

La caponata di mela prepara il palato con soave stupore, brilla di capperi lillipuziani e dolce e fondente uvetta di Corinto, solleticando la salivazione con l’umoralità dell’oliva.

Ristorante Branciforte-22.JPG

Calamaro, salsa di scampi e asparago dialogano sui vertici dell’eleganza, un esercizio di stile che affascina all’assaggio.

Ristorante Branciforte-09.JPG

Il carpaccio di astice regala un’assonanza di dolcezze fruttate: mango e mela verde irradiati dai vertici salini e lussuriosi del caviale.

Ristorante Branciforte-25.JPG

L’involtino primavera è esegesi d’Oriente, ammalia con vibrazioni di vitrea croccantezza che rivelano la mediterranea espressività del tonno, folgorata dal dualismo dei fagiolini e germogli di soia e il brivido del limone candito.

Ristorante Branciforte-10.JPG

Gli spaghetti raccontano all’assaggio il rigore e il vertice della qualità: grano durum siciliano, acqua delle gole dell’Alcantara e nessun contaminante, regalano una straordinaria enfasi nell’indissolubile legame alle gonadi di ricci di mare.

Ristorante Branciforte-26.JPG

La zucchina siciliana è il leitmotiv estivo dell’arte popolare di onorare il piacere del gusto; chef Gaetano Billeci narra i sapori familiari svelando la purezza dei germogli e sorprendendo col fiore ripieno di cremosa ricotta in tempura, in un mosaico vegetariano che coinvolge e appaga.

Ristorante Branciforte-11.JPG

L’escabeche di triglia affabbula e rimanda ad approfondire assaggi che svelano sinfonie esperiate, nel magistrale equilibrio di cotture ed esaltazione della delicatezza del pesce.
A corollario la golosità della cialda che puntualizza ed amplifica i canoni mediterranei di olive, basilico e pomodoro.

Ristorante Branciforte-27.JPG

La salsa agghiotta è un ologramma di antropologia: rimanda alla pesca ancestrale del tonno, del pesce spada e all’esigenza di dare anima al baccalà, al coniglio e all’austerità degli avanzi e degli ortaggi, che trovano nella base di sedano, cipolla, pomodoro, capperi e olive verdi l’espressività gastronomica.
Chef Gaetano Billeci ne fa un masala, con cui dipinge il mediterraneo sul pescato del giorno: cernia, ricciola o ciò che il mare regala, trionfano illuminati dalla mineralità delle verdure di stagione appena scottate.

Ristorante Branciforte-16.JPG

La carta del dessert sorprende per l’unicità e il valore della proposta: l’enfasi della frutta estiva viene elaborata con raffinatezza e leggerezza, invitando a molteplici assaggi.
Anguria, sorbetto al frutto della passione, susine di Monreale custodiscono l’essenza della loro freschezza nelle irresistibili composizioni che sanno stupire senza mai annoiare il palato.

Ristorante Branciforte-18.JPG

Ristorante Branciforte-29.JPG

La cantina affascina incuriosendo con proposte che valorizzano le unicità del continente Sicilia e regala una selezione di respiro nazionale ed estero.
Il servizio si distingue per amorevole accoglienza e discrezione.

Varie le proposte di menù degustazione, alla carta, antipasto-primo-dessert da 35 euro, bevande escluse.

 

Ristorante Palazzo Branciforte, il tempio del gusto a Palermo.
via Bara all’Olivella, 2
Palermo
tel. 091 321748

Chiuso il lunedì, ferie variabili.
ristorantepalazzobranciforte@gmail.it
http://www.ristorantepalazzobranciforte.it

Ristorante visitato l’11 e il 21 luglio 2017.

Il miracolo del cioccolato al latte SABADÌ

La Famiglia del Cioccolato al Latte Sabadì ha sei componenti: Nonna allo zenzero, Nonno al caffè, Papà al 58% di cacao, Mamma al fior di sale e zucchero di fiori di cocco, Tato al 48% di cacao e Tata al cardamomo.

Latte-Sabadì-03.JPG

Sei tipologie di cioccolato monorigine al latte lavorato a freddo, che come l’intera gamma delle delizie Sabadì, esprime l’eccellenza delle materie prime agricole che onorano il lavoro dei produttori di commercio equo e solidale.
Ingredienti biologici, naturali e sani, lavorati ad arte per regalare assoluto , intenso ed imparagonabile piacere al palato.

latte-sabadi-04

Tavolette da cinquanta grammi che sono ologramma di un sogno, del miracolo del cioccolato lavorato e stabilizzato a freddo. Il cioccolato Sabadì ha innovato e magnificato la produzione tipica, affermandosi a livello internazionale come il miglior cioccolato di Modica, per la sua unicità di qualità e come alimento smart, non solo irresistibile!

Il contatto diretto ed etico coi produttori di cacao e zuccheri, la connessione con la migliore materia prima biologica, le selezioni più esclusive di spezie naturali, l’attenzione ai presìdi slow food, la storia che ogni assaggio narra e il messaggio di slow living e di qualità della vita che custodisce, elevano la degustazione Sabadì ad esperienza mistica.

latte-sabadi-06

Il cioccolato Sabadì è diverso. Diverso perché è eccellente.
Diverso, perché è lavorato a temperature significativamente più basse rispetto al tradizionale cioccolato prodotto a Modica. Per lo spessore ideale della tavoletta che amplifica le percezioni organolettiche del miglior cacao dell’Ecuador.

Diverso per l’infinita varietà delle proposte Sabadì, che vanno dal cioccolato 100% cacao, alla cioccolata in tazza, passando per le tavolette naturalmente aromatizzate e fino ad arrivare alle variazioni di zucchero biologico e alla linea nutraceutica “La Qualità della Vita”.

Il cioccolato Sabadì è diverso per la sua valenza di alimento funzionale: è simbolo dell’integrazione alimentare golosa, è antiossidante, immuno-modulatore, preserva l’efficienza delle cellule nervose, stimola la memoria ed è antidepressivo, antiipertensivo e protegge dalle malattie metaboliche come il diabete e l’ipercolesterolemia. Un consumo giornaliero di 20 g di cioccolato di qualità migliora la resistenza allo stress, le prestazioni atletiche e riduce gli stati infiammatori.

latte-sabadi-05

Tutte le proprietà nutrizionali ed organolettiche decadono alle alte temperature a cui è sottoposto qualsiasi altro cioccolato, anche per questo il cioccolato Sabadì è indicato come alleato di benessere, non solo di lussuria gourmand!

Va precisato che il cioccolato è una fonte di tiramina, che può scatenare crisi di emicrania in soggetti sensibili, e di alcaloidi stimolanti. Inoltre come tutti gli alimenti che contengono ossalati, un abuso di cioccolato può portare alla precipitazione di sali insolubili, che danno origine ai calcoli renali.

Latte-Sabadì-01.JPG

La lucentezza delle tavolette e la cremosità al palato – il cioccolato Sabadì non si opacizza, non si sbriciola e non si separa dal burro di cacao – si ottengono mantenendo inalterate le qualità della massa di cacao e con il know how di Simone Sabaini.
All’assaggio trionfano i sentori fruttati che sono indice dell’assoluto rispetto della naturalezza della materia prima, evocano l’identità del cioccolato Nacional Fino de Aroma, che è il prodotto della fermentazione di un frutto, la cabosse del cacao. Il cioccolato Sabadì regala l’essenza primaria del frutto e l’armonia delle componenti organolettiche naturali del cacao fermentato.

Il cioccolato al latte Sabadì è intenso e conturbante, durante ogni fase della degustazione si sommano fragranze sfaccettate, vellutata ricchezza ed infinita persistenza. Caratteristiche che ne fanno ideale protagonista di eclettici abbinamenti salati e dolci, dai formaggi alle birre, dai distillati alla totalizzante degustazione in purezza.

latte-sabadi-02

Confezioni artistiche e tattili, meritevoli di far parte della storia dell’arte e del design, che espongono e valorizzano il prodotto e il Sabadì-pensiero.
Folgorante luce e bellezza ad ogni assaggio, che vorresti ripetere all’infinito.

Grazie Simone Sabaini.

Per info e shop on line Sabadì