Il senso autentico del Natale per lo chef Antonio Guida

La generosità definisce la grandezza di ciascuno, e nella solarità della personalità di Antonio Guida, executive chef del ristorante fine dining Seta, la generosità arriva a sviluppare la collegialità e le sinergie di una brigata ormai quasi ventennale che caratterizza la famiglia professionale, ma che anche off line struttura i progetti di solidarietà dello chef. Antonio Guida sa sorprenderti attraverso l’esemplarità di ogni sua forma espressiva, nell’enunciare le composizioni artistiche che compongono i menù del ristorante milanese Seta, paradigmatico gioiello di esegesi di stile, ricerca e sublime raffinatezza dell’hotel Mandarin Oriental.

Gli chef Federico Dell’Omarino e Nicola Di Lena, membri del dream team orchestrato da Antonio Guida che conta sul valore di oltre trenta massimi esponenti di tecnica e precisione, e del maestro di sala Manuel Tempesta, restaurant manager del ristorante Seta, cooperano con devozione ed armonia oltre le gerarchie, donando attraverso l’autenticità della loro nobiltà d’animo, il senso autentico della convivialità, che è anche e soprattutto attenzione al prossimo.

Dallo scorso settembre, lo chef Antonio Guida apre le porte della sua casa per divulgare nell’intimità domestica un messaggio di solidarietà: l’intero ricavato dei pranzi della domenica, viene devoluto ad una onlus che crea momenti di socialità per i minori disabili e che si spende per educare la società all’inclusività: L’abilità.

I menù della convivialità s’ispirano all’emblematicità dei piatti della domenica e all’antologia della Via del Seta, la proposta di degustazione che ha fulcro nella genialità dello chef Antonio Guida, di cui sono esempio alcuni dei piatti che trovano espressività nella ricerca e nella luminosità delle strutture, non solo nella cifra stilistica della loro composizione.

SETA-02.JPG

Design e ricerca stilistica che brillano all’unisono nel benvenuto paradigmatico del ristorante Seta, la teatralità eclettica di Fornasetti nella mise en place, come manifesto di  allegorie sofisticate, che che hanno l’infinito come orizzonte.

Allitterazioni, suggestioni, stupefacente evocatività e texture seducenti, nel percorso che va dal sigaro di carbonara alle uova d’aringa, al mediterraneo choux alla polvere lisergica di pomodoro e basilico, planando sull’uovo di quaglia crispy, sul wafer di sottobosco e sulle esperidate nuances della tartare di ricciola.

SETA-13.JPG

 

Ostriche e caviale esaltati dal compendio eclettico dello Champagne, astice blu  e voluttuoso zabajone al passito, miso bianco e tè Matcha fanno da ouverture ad una proposta di degustazione che vibra del lirismo dello chef Antonio Guida, e della sua sinfonica abilità nell’armonizzare la passionalità mediterranea al gusto cosmopolita.

SETA-14.JPG

L’emblematico riso in cagnone con crema di erbette, mantecato al Maccagno ed iridescente di polvere di lampone giunge per esaudire un desiderio iconico: un risotto che dipinge un caleidoscopio sensoriale di stupefacenti contrasti, diaframmati dall’eleganza e dall’iconica riedizione della letteratura del gusto lombarda.

SETA-18.JPG

I tortelli d’anatra si specchiano nella cremosità della zucca e pecorino, screziata dalla riduzione al vino rosso: seducente manifestazione di compitezza e leggiadra espressività.

SETA-20.JPG

Anteprime e fuori menù narrano l’inevasa attitudine dello chef Antonio Guida a narrare attraverso la sua sensibilità artistica gli ingredienti più iconici, nell’idillio di uno stile che ammalia attraverso le texture ed i contrasti risolti nella raffinatezza.

SETA-17

Oltre cinquecento etichette impreziosiscono la carta dei vini curata dalla ricerca enologica del brillante sommelier Andrea Loi, sommo esponente di una cultura del vino che va oltre l’accademica impeccabilità, una cultura che mette in luce selezioni di Champagne e microcosmi italiani ed internazionali di autorevolezza e personalità.

 

Il pasty chef Nicola Di Lena cura con inarrivabile maestria le composizioni dessert, che nel sincronismo tra sublimazione della tecnica ed accenti stilistici, armonizzano Europa e Asia, nelle esperienze emozionali di una pasticceria dinamica che al piatto si fa indimenticabile ed evocativa sensorialità.

SETA-26.JPG

Nicola Di Lena espone architetture che superano i dogmi della pasticceria, tratteggia le sue creazioni con leggiadra personalità, seducendo attraverso l’identità degli aromi e l’eleganza delle trame: avanguardia esemplare e travolgente espressività in ogni linea di produzione, dalla prima colazione al bistrot, coadiuvato dalla preziosa collaborazione di Marco Pinna.

 

Ristorante visitato a dicembre 2019, 

foto di copertina di Stephanie Greger.

Per info e prenotazioni

Mandarin Oriental Milan

 

MANDARIN ORIENTAL Milan: luxury travel experience

Il Mandarin Oriental, Milan amplifica l’eleganza e l’inconfondibile ospitalità milanese coniugandole al ricercato design dell’iconico lusso orientale, nel cuore del quadrilatero della moda, a pochi passi dalla cultura dei musei di Brera, dal Teatro alla Scala e da via della Spiga.  Ospitato in quattro prestigiosi edifici del XVIII secolo, l’Hotel offre la combinazione perfetta per soggiorni di indimenticabile ospitalità.

le camere

MO Milan-19.JPG

Mandarin Room è un concept di funzionalità, stile, comfort assoluto ed eleganza: camere da 45 m², luminose ed insonorizzate, dispongono di letti da sogno, arredi di design, angolo relax, scrivania-postazione studio con amplificazione Bose, smart TV, sofisticato angolo bar ed una sala da bagno in stile SPA, in marmo e dotata di ogni amenity.

la colazione

MO Milan-84.JPG

La viennoiserie sublime firmata dallo Chef Nicola Di Lena, rende omaggio all’Alta Scuola Francese di tournage, sfoglie di rara fragranza, confetture e creme superbe ed estro compositivo.

 

Dolce e salato, attenzione alle esigenze salutistiche ed al gusto continentale, gluten free e selezioni di qualità ricercata per soddisfare ogni esigenza della raffinata clientela internazionale, per un risveglio da fiaba.

 

Mandarin Bar&Bistrot

Respiro internazionale in squisito ed eclettico stile Fornasetti e contaminazioni asiatiche. La scenografica centralità del bar dialoga con le sale polifunzionali che si prestano ai light lunch ed alle esigenze estemporanee della caffetteria o dell’aperitivo, che sconfina all’after dinner. Aperto sia agli ospiti dell’Hotel sia ai cultori della raffinatezza.

MO Milan-03.JPG

La Cucina dello Chef Antonio Guida brilla d’intrigante estetica, che si coniuga alla ricercatezza dei sapori italiani. Dai Risotti alla Cotoletta, tributo alla letteratura del gusto meneghino, alle interpretazioni seducenti della cucina di pesce e dei classici della bistrònomie.

Il Mandarin Bar&Bistrot accoglie in atmosfere lounge e sofisticate, in tre ambienti diversi: il bar bistrot, la lounge interna ed il suggestivo dehors allestito presso la corte esterna, con salotti, tavoli e luci che creano la perfetta armonia.

MO Milan-08.JPG

La proposta mixology accenta con carisma orientale i classici del bere miscelato, abbinandoli alla ricercatezza dei glass: opere d’arte che sublimano le creazioni dei Bartender.

il ristorante SETA, Chef Antonio Guida

Due stelle Michelin non bastano a narrare l’iridescente maestria che anima la creatività e l’espressività di Antonio Guida. L’imprinting mediterraneo in sinergia con il respiro orientale e la devozione alla stagionalità. Servizio di esemplare professionalità a cura di  Manuel Tempesta ed una enciclopedica carta dei vini che vanta più di mille etichette, tra selezioni regionali del Sommelier Andrea Loi ed introvabili Maison di Champagne.

MO Milan-02.JPG

Cacciagione e tartufi pregiati animano il menù degustazione di ottobre, rallegrato dal brio di acidità ricercate, espressività aromatiche e trame conturbanti.

Esemplarità tecnica creativa, brio nel dipingere il lusso di sapori autentici e ricercati nell’esaltazione di contrasti donanti ed armonie multiple. Una proposta degustazione che sa entusiasmare per ritmo e nuances, sapori ed atmosfere che hanno idioma italiano ma sono anche ologrammi di tramonti sul Bosforo.

 

Sinfonie che seducono con assaggi sempre unici, che hanno cangianti e tratteggiati abbinamenti studiati per donare al palato sorpresa e desiderio.

MO Milan-57.JPG

Aceto di lampone e formaggio vaccino Maccagno a dare enfasi ad una preparazione lombarda rimasterizzata nell’abbinamento a lisergici e geniali flash:

riso Carnaroli mantecato alla salvia, su crema di erbe fini e la fruttata passionalità dei frutti rossi più voluttuosi ed irretire il gusto e decretare l’assegnazione del titolo “Miglior Risotto 2019 per la Guida L’Espresso.

 

MO Milan-58.JPG

In bilico tra suggestioni mediorientali ed estate mediterranea, la trama velo della sfoglia all’uovo fa da scrigno alla mousse di ceci, su specchio si salsa di pasta al pomodoro, melanzane e robiola, tra stimoli conturbanti ed eloquenza passionale.

MO Milan-64

Narrare l’autunno attraverso la mineralità e più sfaccettata dolcezza del mare: la triglia cotta a bassa temperatura e la salsa di granchio, nell’abbinamento inedito all’umoralità delle conchiglie che si fanno convincente ragout e alla bieta zen.

MO Milan-66

 

Trame di un sogno, iridescenza aromatica evocata dai sentori di zafferano che impreziosiscono la salsa montata al pistacchio, l’opulenza dei foie gras e la vivida freschezza acidula del rabarbaro, un signature dish di inarrivabile esecuzione.

MO Milan-54.JPG

Menzione speciale per la selezione esclusiva dei burri Bordier: emblema francese di misticismo gourmand. Nelle varianti leggermente salato e alle alghe, sono empireo accompagnamento al pane e alle vivande.

 

I dessert e le infinite dolci attenzioni esprimono con raffinatezza, carisma ed eccelsa tecnica, stile leggiadro ed abilità interpretativa: dell’esotismo e del contemporaneo, della sperimentazione e della languida e lussuriosa pasticceria internazionale.

MO Milan-70

ll Pastry Chef Nicola Di Lena è esegeta di somma perfezione, brillante nell’osare e ragionevole nelle edulcorazioni, irresistibile in ogni proposta creativa.

MO Milan-73

 

Per info e prenotazioni

Mandarin Oriental Milan

 

MO Milan-75.JPG

Struttura visitata ad ottobre 2018