Aspettando la riapertura di Dinner by Heston Blumenthal al Mandarin Oriental #wheninLondon

Due passi per i corridoi autocratici dell’hotel Mandarin Oriental di Hyde Park, che conducono alle sale di eleganza zen del ristorante Dinner, bastano ad aver cognizione di ciò che possa aver ispirato Heston Blumenthal nella definizione delle proposte British heritage della sua enclave londinese.

Dinner H. B.-02.JPG

Lontano dal manierismo accademico, Dinner espone ispirata attitudine alla divulgazione delle ricette del patrimonio gastronomico del Regno Unito, scovate in ricettari d’epoca, e riviste in edizione contemporanea ed attraverso la brillante e cosmopolita influenza coloniale, sublimate dalle tecniche di alta cucina d’avanguardia.

Dopo il recente incendio che ha danneggiato marginalmente la struttura dell’Hotel di Knightsbridge, non è ancora stata divulgata notizia di riapertura del ristorante Dinner di Londra.

Segue una sintetica carrellata dell’ultimo menù, con l’augurio e la speranza di tornare a godere presto della genialità di Blumenthal, o anche solo dell’ipnosi e visibilio che la vista dell’ananas allo spiedo generano ;D

  Dinner H. B.-09

Meat Fruit

Dinner H. B.-22.JPG

In bilico tra allusivi delle forme e ludica epifania di passionalità, al primo assaggio svela già l’apoteosi del paté di fegatini di pollo per antonomasia. Un’esperienza mistica, che seduce con la fragranza esperidata del mandarino e coi sentori della voluttuosità.

Salamagundy è una portata che nasce da una citazione colta del 1720, The Cook’s and Confectione’s Dictionary di John Nott: 

Dinner H. B.-14.JPG

chicken oystersublime perla succulenta ricavata dall’anca del pollo – scorzonera, rafano e midollo. Una composizione di lirismo raro, equilibri multipli e infinita persistenza.

Dinner H. B.-15.JPG

Capesante in tartare, shiitake e brodo di allo Sherry ad amplificarne l’umami.

Dinner H. B.-16.JPG

Estetica ed inflessioni umorali asiatiche che screziano gli assaggi, armonizzando la dolcezza fondente dei molluschi alla profondità dei funghi.

Dinner H. B.-18.JPG

Citazione ottocentesca per il trancio imperiale di sogliola alla Admiral sauce, costellata di gamberetti e vivacizzata dagli agretti e pastinaca.

Dinner H. B.-17.JPG

L’opulenza della salsa al brown butter ed acciughe a tratteggiare un classicismo che cede il passo alla lussuria.

Il carosello dei dessert merita devozione e contemplazione.

Dinner H. B.-25.JPG

Dalla magistrale tecnica esecutiva alla sensorialità audace e travolgente, si arriva a percepire la sublimazione di ogni singola base e spezia.

Dinner H. B.-26.JPG

La Millionaire al cioccolato e caramello salato e la Custard Tart sono apologia di alta pasticceria, dessert iconici valorizzati da millimetrica cottura e temperature di servizio donanti.

Dinner H. B.-27.JPG

La quintessenza della sensualità, accentata dalla vaniglia, rabarbaro e cardamomo.

Close to perfection.

Heston Blumenthal torna presto!

La Bistrònomie di Tom Aikens #wheninLondon

La Bistrònomie di Tom Aikens è molto più che una scelta di sostenibilità, è una proposta disimpegnata ma rigorosa, nella selezione di ingredienti e valorizzante del lavoro di ricerca di appassionati produttori, allevatori ed agricoltori britannici.

Tom's Kitchens-01.JPG

Tom Aikens ha nello sguardo la luce della creatività e dell’ironia, è uno degli chef contemporanei più irriverenti ed è un compositore lirico di stagionalità, che ha saputo divulgare cultura alimentare ancor prima di riscuotere clamore televisivo. 

La sua ascesa brilla di due stelle Michelin – conquistate a soli ventisei anni – ed ha saputo reinventarsi dopo la chiusura del main restaurant di Chelsea.

Tom's Kitchens-03.JPG

La luminosa ed accogliente sala del locale di Chelsea, si snoda tra il bar ed il teatro della cucina, intrigando con le proposte che reinventano il comfort food britannico, accentando gli ingredienti con dinamismo aromatico, padronanza tecnica e donando sempre dimensioni multiple alla sensorialità del gusto.

Tom's Kitchens-07.JPG

Tutte le trame della rapa rossa si susseguono in un carpaccio che ne evidenzia freschezza e vibrante versatilità, con la salsa allo yogurt e nel felice abbinamento all’aneto ed all’arancia grigliata, senza tralasciare la vivace croccantezza dei semi di lino.

Tom's Kitchens-08.JPG

Il parfait di fegatini di pollo e foie gras travolge con la laminare cremosità che trova brio nella granola maltata ed armonia nella concassé fruttata. Verticalità incisiva ed umorale del paté di fegato che nella contemporanea edizione, invoglia a ripetere gli assaggi ad oltranza, grazie alla vivacità delle texture.

Tom's Kitchens-09.JPG

Il salmone selvaggio marinato al gin e ginepro, trova accademico controcanto nella cremosità dello yogurt colato all’estratto di aneto. Il soda bread a corollario esprime la dolcezza dei cereali in contrasto alla polifonia officinale del salmone.

Tom's Kitchens-11.JPG

Narrare il fish&chips può ancora sorprendere se all’assaggio si svela l’eloquente carisma del filetto di merluzzo e la superba frittura delle patate vitree e fondenti, un ossimoro sfrigolante da intingere in punta di dita nella salsa tartara maison.

Tom's Kitchens-12.JPG

Il COD DOG alle garniture d’ordinanza e al pane ortodosso, contrappone la burrosità dei filetti di pesce irradiati dalla donante pastella. Un signature dish che evidenzia il paradigma della qualità a definire la differenza tra junk food e comfort food.

Tom's Kitchens-13.JPG

Vini e birre artigianali, ma si opta non di rado per un cappuccino o un tè da sorseggiare a tutto pasto. Servizio premuroso e di simpatia manifesta, atmosfera lounge e che si avvantaggia della spettacolare operosità degli chef a vista.

Tom's Kitchens-10.JPG

 

27 Cale St,
Chelsea,
London.

Alla ricerca degli unicorni: MILK TRAIN a Covent Garden #wheninLondon

Cosa non si fa per mantenere il titolo di influenze, cosa non si fa per dare al palato metrica e termini di paragone… si arrivano a scomodare unicorni, nuvole di zucchero filato, e si trascina chi ti accompagna ai confini del sogno e della pazienza ;P

MILK TRAIN cafè-02.JPG

 

Basta seguire le coordinate Instagram per giungere alla meta di pellegrinaggio social-fashion-victim più ambita di Covent Gaden, riconoscendo l’ingresso di  Milk Train Cafè dalla fila di chi non aspetta altro che impugnare lo scettro del desiderio.

MILK TRAIN cafè-09

Ordinatamente si conquista la postazione migliore per i selfie, orgogliose e fiere di brandire un soffice ed arioso “gelato” che plana su una nuvola avvolgente di zucchero filato.

MILK TRAIN cafè-04.JPG

Un’esperienza di gusto 3D che viene esponenzialmente amplificata sui social e genera un turismo di millennials interplanetario.

MILK TRAIN cafè-01.JPG

I fondatori di Milk Train Cafè, Mike e Kylie, affermano che la nuvola di zucchero filato era in origine una soluzione per moderare i sapori tannici e minerali del gelato al tè Matcha e Hojicha. Non avetrbbero mai potuto immaginare che sarebbe presto diventato il cono più Instagrammato dell’universo.

MILK TRAIN cafè-05.JPG

Vaniglia, caramello al burro salato, Oreo, mango su cialde wafer, si arricchiscono di confettini, popcorn e praline.

MILK TRAIN cafè-10.JPG

Nonostante il meteo londinese, il gelato Milk Train non teme inflazioni, resta un dolcissimo sogno e un’occasione per non prendersi troppo sul serio 😀

 

44 BEDFORD ST. LONDON WC2E 9HA

 

SUMMER OPENING TIMES:

NOW OPEN ON MONDAYS!

MON-THU: 1PM – 9PM

FRI-SAT: 1PM – 10PM

SUN: 1PM – 8PM