ITALIA CIBUM e l’Arte della Panificazione: al via il congresso del Gusto

Al via domani i laboratori e le conferenze che si alterneranno per le due settimane di approfondimenti sulla cultura dell’alimentazione e sull’Arte Bianca che ha reso celebre Ficarazzi, il Comune alle porte di Palermo che è fulcro dell’enogastronomia.

Un’antica tradizione di panificazione, rispettosa della selezione delle materie prime, delle abilità ancestrali e della cottura a legna, attenzioni che hanno reso il pane di Ficarazzi un prodotto apprezzato ed ambito.

Arte bianca e abilità manuali, vastedde, vastedduni e muffolette, si tramandano da generazioni e oggi il pane prodotto nel Comune alle porte di Palermo, diventa oggetto di studio ed approfondimento, protagonista, insieme con lo sfincione e altri illustri lievitati, di una manifestazione a loro dedicata.

Prende il via domani

“L’arte della panificazione a Ficarazzi”

una manifestazione organizzata dal Comune e da Italia Cibum, con il supporto della Regione Siciliana, della Proloco di Ficarazzi e di Mediacom.

Fino al 28 dicembre, nello spazio allestito in piazza Papa Giovanni Paolo II, convegni, talk show, laboratori del gusto, degustazioni e visite guidate, avranno l’ambizioso obiettivo di far conoscere i pregiati prodotti artigianali ficarazzesi formando, al contempo, una sorta di nuova consapevolezza su ciò che mangiamo e sulle scelte che tutti noi ogni giorno facciamo sugli alimenti da portare a tavola.

Il cibo è il motore del nostro corpo e del nostro pensiero e, come tale, necessita di grandi attenzione e cura. È l’occasione, questa, per rivolgersi ai giovani che sono coloro che erediteranno naturalmente l’arte dello sfincione e della panificazione, ma non mancherà l’attenzione su uno sviluppo consapevole del turismo enogastronomico.

“L’arte della panificazione a Ficarazzi è antica e la bontà del nostro pane e del nostro sfincione, negli anni, ha valicato i confini del paese e in molti vengono qui a comprarli da Palermo o dai paesi limitrofi – spiega il vicesindaco con deleghe alle Attività produttive e al Turismo, Salvatore Bisconti – .

Oggi, con questa manifestazione, vogliamo accendere l’attenzione da una parte sulla qualità di materie prime e lavorazioni e dall’altra sulle potenzialità di sviluppo di un territorio legate ai prodotti gastronomici”.

Il programma

La manifestazione prenderà il via domani (14 dicembre) alle 15 con la chef Bonetta Dell’Oglio e Francesca Cerami dell’Idimed, che parleranno di Dieta Mediterranea. A seguire ci sarà una degustazione di sfincione locale.

Sabato pomeriggio, 15 dicembre, dalle 15 alle 19, la chef Bonetta Dell’ Oglio e Arturo Genduso, agronomo, specialista in agricoltura naturale, cureranno il laboratorio “Dal campo alla tavola”

Lunedì 17 dicembre si metteranno la mani in pasta con un corso di panificazione dalle 10 alle 17. Si partirà dalle tecniche di molitura dei grani antichi e moderni e seguirà una visita all’azienda Molini del Ponte di Castelvetrano (Tp), specializzata nella produzione delle farine di grani antichi moliti a pietra naturale. Si incontrerà l’imprenditore e mugnaio Filippo Drago per scoprire il processo di molitura negli antichi mulini a pietra naturale francese La Fertè e comprendere l’avanguardia tecnologica degli strumenti di selezione e pulitura del grano.

Martedì 18 dicembre, dalle 16 alle 19, si parlerà di strategie di comunicazione con un corso curato da Marco Sajeva, fondatore dello studio Visioni, su “Social media marketing: come comunicare la tua attività”.

Mercoledì 19 dalle 10.30 alle 14 si torna a parlare di panificazione con una visita alla Stazione Consorziale Sperimentale di Granicoltura (partenza da Ficarazzi alle 7).

Giovedì 20 sarà la volta di un laboratorio tenuto, dalle 15 alle 19, dal bakery chef e Ambasciatore del Gusto messinese Francesco Arena su “L’interpretazione della pizza messinese”.

Venerdì 21 Dicembre, dalle 15 alle 19, il laboratorio sarà dedicato al dolce della tradizione: il buccellato. A curarlo sarà Bonetta dell’Oglio. A seguire Giuseppe Morreale, storico della tradizione, racconterà la storia dei panificatori di Ficarazzi.

Dopo pane, pizza e sfincione, sabato 22 dicembre, il panettone, re dei lievitati, sarà protagonista di una degustazione alla cieca curata da Salvatore Spatafora. Dalle 16 alle 18 sarà possibile assaggiare alcuni tra i migliori panettoni artigianali prodotti in Sicilia ai quali saranno affiancate alcune produzioni di pasticceri e panificatori di Ficarazzi. Prevista anche una degustazione di vini in abbinamento.

Domenica 23 dicembre alle 11, uno dei momenti clou della manifestazione, con il convegno sul tema “La coscienza del consumatore”. Si parlerà del divario e del livello di coscienza nel consumo di grani antichi tra nord e sud. A seguire degustazione dello sfincione di Ficarazzi a cura dei panificatori del paese.

Il 27 dicembre alle 10 l’ultimo appuntamento con un laboratorio su “la colazione salutare” tenuto da Nino Terrana.

Il convegno

La coscienza dei consumatori – Domenica 23 dicembre ore 11

Il confine sottile tra coscienza e incoscienza determina il grado di consapevolezza e di comprensione della realtà.” di STEFANO NASETTI

Cosa si intende per “potere del consumatore”? Soffermiamoci innanzitutto sul significato di queste due parole che forse sono usate troppo e troppo spesso in modo improprio. Il potere è la capacità di influenzare in modo determinante persone o situazioni, oltre a rappresentare la possibilità concreta di fare qualcosa. Il consumatore è chi consuma, vale a dire chi sul mercato domanda beni e servizi ed è disposto a pagare un prezzo per essi. Il momento fondamentale in cui il consumatore può esercitare il proprio potere è rappresentato dall’atto d’acquisto.

La forza apparentemente senza limiti delle imprese produttrici, in modo particolare delle società multinazionali, ha in realtà una debolezza intrinseca in quanto la capacità di sviluppare business e di creare profitto dipende principalmente dal comportamento dei consumatori nel momento in cui acquistano prodotti o servizi.

Il gesto di fare la spesa non è un’azione priva di significato, un atto privato che riguarda solo il consumatore, i suoi gusti, i suoi desideri, il suo portafoglio. Esso può assumere una forte e chiara valenza sociale, economica e politica.

Il consumatore oggi è sempre più bombardato da informazioni salutari, etiche e sociali, dall’Olio di Palma al mito dei prodotti integrali, ai prodotti Bio piuttosto che “Naturali”. Molte aziende note hanno realizzato prodotti ad hoc per soddisfare la crescente domanda del prodotto “Buono e Sano”. Il consumatore, sviluppando una coscienza critica, acquisisce dunque un grande potere e proprio perché le imprese hanno timore di questo tentano di dominare la nostra volontà spendono miliardi in pubblicità.

Ma realmente davanti lo scaffale del supermercato, cosa ci spinge all’acquisto di un prodotto piuttosto che un altro? Siamo davvero cosi consapevoli?

Di tutto questo si parlerà domenica 23 dicembre a partire dalle 11, nel corso di un convegno moderato dalla giornalista Manuela Laiacona.

Relatori:

Bonetta dell’Oglio, chef: “La cucina consapevole”

Giusy Vitale, supermercati Prezzemolo & Vitale selezionatori di eccellenze: “le scelte di qualità sono possibili?”

Arturo Genduso, agronomo: “Che fine ha fatto la nostra coscienza?”

Francesca Cerami, Presidente dell’IDIMED: “La dieta Mediterranea e come ritracciarla sullo scaffale”

Filippo Drago, Molini del Ponte: “Ho scelto i grani autoctoni perché?”

Mauro Priamo e Marcella Tomasino, Azienda Agricola Casa San. Giacomo: “L’agricoltura come metodo educativo”

Calogero Vizzini, presidente del Federconsumatori: “Come aiutare il consumatore ad essere consapevole”

Daniela Mainenti, giurista: “Conoscenza del prodotto pesce per la prevenzione della pesca illegale”

La manifestazione “L’arte della Panificazione a Ficarazzi” è organizzata da Italia Cibum e dal Comune di Ficarazzi.

Italia Cibum SpA – nota in questi giorni per essere la holding che è dietro il progetto di internazionalizzazione del brand Spazio Niko Romito che ha appena aperto a Roma – è un brand specializzato in progettazione, organizzazione e comunicazione rivolto all’affiancamento e al supporto di produttori, erogatori di servizi, ristoratori, organizzatori di eventi, nel comparto enogastronomico in Italia e all’estero. La struttura accompagna a livello strategico e creativo i brand enogastronomici italiani nel mondo, per diffonderli e valorizzarli e fare cultura di prodotto.

Il modo smart di nutrirsi: il NUOVO PANE dell’Ambasciatore del Gusto Francesco Arena

Il gusto ed il benessere: esigenze imprescindibili che nella routine quotidiana a volte divergono, per la fretta di pasti fuori casa o perché si tende a scegliere cosa portare a tavola secondo le calorie o la monotonia dell’abitudine, e non in base ai nutrienti essenziali.

Il pane, l’alimento su cui si basa l’alimentazione mediterranea, oggi viene discriminato, perché i prodotti da forno più consumati sono spesso privi del loro valore alimentare proprio, a causa delle farine di bassa qualità utilizzate e degli additivi alimentari impiegati per migliorarne la panificabilità.

Non di rado, pane e pasta vengono identificati come “calorie vuote” o come alimenti indigesti e responsabili di patologie metaboliche ed intolleranze alimentari.

Rossetto e Cioccolato-88.JPG

Sono più di cinquanta le cultivar di grani autoctoni che illustrano la ricchezza  e l’unicità del patrimonio del gusto siciliano, il recupero della coltivazione dei grani antichi ha dato nuovo slancio alla valorizzazione nutrizionale ed organolettica dei prodotti da forno.

La ricerca scientifica e tecnologica, l’attenzione salutistica e la dedizione a veicolale benessere attraverso la fragranza del pane appena sfornato, hanno ispirato l’unicità della proposta e la polifonia dei lievitati del Panificio Masino Arena a Messina.

Dal 1939 il Panificio Masino Arena perpetua l’artigianalità dell’Arte Bianca attraverso il rispetto delle lunghe lievitazioni naturali, le attente selezioni delle farine e le tecniche di panificazione tramandate da generazioni.

Lo Chef e Ambasciatore del Gusto Francesco Arena ha innovato la ricchissima offerta di pani, focacce e lievitati dolci e salati, andando oltre ai grani autoctoni siciliani, puntando sull’alimentazione funzionale e sulla nutraceutica.

Il pane diventa così un alimento salutistico e di prevenzione, un integratore alimentare di antiossidanti, acidi grassi essenziali utili alla funzionalità del  sistema cardiovascolare e nervoso ed il gusto acquista il valore aggiunto del benessere.

Rossetto e Cioccolato-79.JPG

Lo Chef Francesco Arena veicola un messaggio profetico e che oggi ha il dovere della prevenzione delle più diffuse patologie degenerative e dell’educazione alimentare a tutte le età:

alimentarsi non significa solo saziarsi, alimentarsi significa anche nutrirsi, assimilando non solo macronutrienti utili al fabbisogno energetico, ma soprattutto portando a tavola salute attraverso alimenti funzionali.

I lievitati speciali del Panificio Masino Arena a Messina sono arricchiti da zenzero, curcuma, semi e frutta secca come golosa fonte di acidi grassi omega-3 e farina di cladodi di fichidindia, preziosa per abbassare l’indice glicemico del pane e dei lievitati.

L’olio extravergine di oliva è l’alimento mediterraneo antiossidante per eccellenza, le focacce del Panificio Masino Arena prevedono il suo utilizzo a crudo, per esaltare  gli ingredienti di pizze e focacce gourmet.

Rossetto e Cioccolato-80.JPG

L’offerta gastronomica del Panifico Masino Arena a Messina, spazia dall’istituzionalità della superba Focaccia Messinese preparata con ingredienti di altissima qualità, alle innovative ed irresistibili pizze realizzate con acqua di mare ricca di oligoelementi essenziali ed arricchite da una selezione di ingredienti unici, come i pomodorini gialli campani, foglie di cappero, alghe, gamberi di nassa o tutto ciò che di stagionale possa ispirare la fantasia dello Chef Francesco Arena, Ambasciatore di gusto e di salute!

 

Panificio Masino Arena

Via Consolare Pompea, 162
Sant’Agata

Messina

Tel/Fax: 090 391773

Cell: 3474361164

 rnafnc@gmail.com

Aperto tutti i giorni escluso il mercoledì pomeriggio.